Scirocco in arrivo: tra giovedì e venerdì nubi e qualche pioggia sul versante orientale dell’Etna

Tra domani e venerdì un flusso di correnti sudorientali investirà la Sicilia, con un duplice effetto. Sul versante tirrenico lo Scirocco giungerà come forte ‘vento di caduta, tipicamente piuttosto caldo e secco (possibili punte oltre i 30°C) dopo aver scavalcato i Nebrodi, mentre lungo la fascia ionica si avvertirà un generale peggioramento del tempo a causa dell'ingresso di nubi medio-basse dal mare.

Interverrà probabilmente l'effetto ‘stau’ sulla fascia orientale dell'Etna: il flusso umido dallo Ionio, infatti, sarà costretto a risalire i pendii del vulcano, fino a raggiungere il livello di condensazione. L'interazione favorirà lo sviluppo di nuvolosità a tratti consistente ed in grado di dar luogo a qualche blanda pioggia localizzata, con i massimi effetti tra le quote collinari e i 1500 metri. Una dinamica analoga è attesa sui Peloritani. Di contro, i versanti opposti e sottovento (W-NW) tenderanno ad essere riparati dal cono d'ombra etneo, con condizioni perlopiù asciutte e stabili.

Bronte e Giarre rappresenteranno, di fatto, i due estremi dell'area etnea. Il massiccio vulcanico nel primo caso schermerà il paese del pistacchio dall'arrivo delle nubi, mentre esalterà gli effetti dei flussi umidi sul versante orientale. Il passaggio dal sole alla pioggia, dunque, potrebbe essere questione di qualche decina di chilometri.

Andrea Bonina

Laureato in Geologia presso l’Università di Catania con tesi sperimentale sull'analisi e sulla modellistica della pluviometria e dei dissesti idrogeologici del versante nordoccidentale dell'Etna. Collaboro con l’associazione MeteoSicilia, curo la rubrica meteorologica per il quotidiano online 'La Gazzetta Catanese' e gestisco il blog di 'Meteo Bronte'.