Pasqua 2017, che tempo farà? Le previsioni meteo per le località alle pendici dell’Etna

Venerdì la giornata più stabile, sabato la più mite, domenica la più fresca e capricciosa, lunedì in ripresa: può essere telegraficamente riassunto così il quadro meteorologico dinamico e variegato delle festività pasquali alle pendici dell'Etna. L'attuale contesto sinottico a scala mediterranea è caratterizzato dall'assenza di figure bariche dominanti: i massimi dell'anticiclone delle Azzorre si mantengono sull'Europa occidentale, mentre in Italia la pressione si attesta su valori medi e trova spazio, per altro, una lieve curvatura depressionaria sulle regioni settentrionali.

Una modesta saccatura di matrice nord-atlantica attraverserà la Penisola nel corso del weekend pasquale; i suoi effetti in Sicilia saranno limitati quasi esclusivamente alla giornata di domenica prevalentemente lungo il versante tirrenico e sull'entroterra a ridosso dei rilievi. Probabilmente salva la giornata di Pasquetta e con essa le consuete gite fuori porta.

Etna, le previsioni meteo per la Pasqua 2017

Venerdì Santo. Ci attende una giornata tersa, con poche nubi pomeridiane, assai gradevole e dai connotati tardo-primaverili. Nessun ostacolo per le tradizionali funzioni religiose che annualmente si celebrano in numerosi comuni dell'hinterland etneo. Temperature massime diffusamente comprese tra i 19 e i 24°C, venti deboli di direzione variabile.

Sabato Santo. La giornata inizierà all'insegna di cieli sereni o poco nuvolosi; saranno possibili addensamenti cumuliformi tra la tarda mattinata e le prime ore del pomeriggio a ridosso del massiccio etneo, ma con fenomeni scarsi o del tutto assenti. A causa del richiamo prefrontale di aria mite in quota, le temperature registreranno un ulteriore aumento, con massime fino ai 26/27°C sulla Piana di Catania. Ventilazione debole tendente a disporsi dai quadranti occidentali.

Domenica di Pasqua. Condizioni di generale variabilità per il transito della blanda perturbazione atlantica. E' possibile distinguere tre fasi meteorologiche fondamentali: un primo passaggio nuvoloso di tipo medio-alto e stratificato farà capolino ad inizio giornata, con cieli grigi, diffusa presenza di cirri, altostrati e velature, ma rare precipitazioni. Seguiranno temporanee schiarite in tarda mattinata. Nelle ore centrali della giornata sarà la volta di addensamenti cumuliformi in sviluppo a ridosso dei rilievi centro-orientali, Etna compresa, talvolta associati a qualche breve acquazzone. In serata, infine, giungeranno banchi di nubi basse dal Tirreno, stavolta più consistenti sul versante settentrionale del vulcano e sulla dorsale dei Nebrodi; altrove il tempo tornerà a migliorare. Temperature in diminuzione, più marcata in montagna e sui versanti Ovest, Nord e Nordest. Venti in rotazione da Maestrale, con raffiche fino ai 30-40 km/h.

Lunedì dell'Angelo (Pasquetta). Condizioni meteo in sensibile miglioramento. Alle prime luci dell'alba da segnalare solo residui annuvolamenti tra i Nebrodi e il versante Nord dell'Etna, in rapido esaurimento. Prosieguo di giornata stabile ed ampiamente soleggiato, se si accettua il consueto sviluppo di nuvolosità cumuliforme a metà giornata a partire dai settori sommitali del vulcano. Temperature in nuova ripresa, con massime generalmente comprese tra 18 e 23°C. Venti deboli o al più moderati, inizialmente settentrionali ma in celere attenuazione nel corso della giornata.

⭐️ A tutti i Lettori giunga l'augurio di Serene Festività.

Andrea Bonina | © MeteoEtna.com

Andrea Bonina

Laureato in Geologia presso l’Università di Catania con tesi sperimentale sull'analisi e sulla modellistica della pluviometria e dei dissesti idrogeologici del versante nordoccidentale dell'Etna. Collaboro con l’associazione MeteoSicilia, curo la rubrica meteorologica per il quotidiano online 'La Gazzetta Catanese' e gestisco il blog di 'Meteo Bronte'.