Sicilia, ondata di calore al capolinea: in arrivo un generale calo termico, possibili cenni d’instabilità

La prima avvezione d'aria calda dell'estate meteorologica siciliana sta per volgere al termine. Nelle prossime ore il promontorio subtropicale mostrerà segni di cedimento sul suo fianco orientale, ad opera di una nuova circolazione secondaria dai Balcani: ne scaturirà un sensibile calo delle temperature, più marcato in altura e sui settori tirrenici della Sicilia.

La circolazione sinottica europea attesa per la giornata di domenica 18 dal centro di calcolo ECMWF. Massimi del promontorio subtropicale sul Mediterraneo occidentale, con picchi termici superiori ai 40°C in Andalusia. Infiltrazioni d'aria fresca dall'Europa nordorientale al Sud e in Sicilia.

Nella giornata di domenica 18, le condizioni atmosferiche tenderanno alla variabilità: al primo mattino addensamenti nuvolosi a tratti compatti faranno capolino sul versante tirrenico, per poi raggiungere rapidamente il comprensorio dei Nebrodi e l'Etna. In questi settori non va escluso qualche breve acquazzone localizzato, con tendenza a miglioramento nella seconda parte della giornata. Nelle ore pomeridiane l'instabilità, sotto forma di rovesci a macchia di leopardo, si concentrerà sul basso nisseno e sugli Iblei. Si tratterà comunque di fenomeni occasionali e di estensione areale piuttosto limitata.

Temperature in diminuzione dai quattro agli otto gradi. Con l'ingresso di venti moderati dai quadranti settentrionali, nell'area etnea le massime si attesteranno generalmente tra 23 e 27°C. Si rivelerà relativamente fresca per il periodo la notte tra domenica e lunedì.

Ad un sabato eccellente per la balneazione farà da contraltare una giornata domenicale con moto ondoso in rapido incremento: mari tutti mossi o molto mossi, ad eccezione del tratto costiero agrigentino. A ridosso dei litorali ionici si prevede un'altezza d'onda compresa tra 60 e 125 centimetri. In mare aperto insisterà una ventilazione dai 10 ai 20 nodi.

L'analisi dell'evoluzione meteorologica a medio termine non evidenzia eccessi termici per la Sicilia quantomeno fino a venerdì 23 giugno. In un 2017 votato alla persistenza delle dinamiche atmosferiche a grande scala, anche nel corso della prossima settimana la circolazione permarrà improntata a marcate anomalie positive sul comparto occidentale del Continente: in Penisola Iberica (punte di 44/45°C nel weekend) e nella Mittel Europa, il mese di giugno potrebbe entrare di diritto negli annali climatici per l'intensità e la persistenza del flusso subtropicale.

 

© MeteoEtna.com | 17 giugno 2017

 

 

Andrea Bonina

Laureato in Geologia presso l’Università di Catania con tesi sperimentale sull'analisi e sulla modellistica della pluviometria e dei dissesti idrogeologici del versante nordoccidentale dell'Etna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *