Sicilia, breve impulso fresco da nord: sabato instabile sul versante tirrenico, bel tempo domenica

 

Nei primi giorni di ottobre, complice l'azione di una depressione afro-mediterranea e l'afflusso di correnti umide e instabili orientali nei bassi strati dell'atmosfera, le province di Catania, Siracusa e Ragusa hanno beneficiato di piogge frequenti e abbondanti, in particolar modo nei versanti ionici, con valori cumulati complessivi mediamente compresi tra i 50 e i 115 mm. L'evento temporalesco più violento dell'intero territorio regionale si è abbattuto su Santa Croce Camerina (RG), dove la centralina di rilevamento del SIAS ha registrato ben 137 mm in circa tre ore: record assoluto degli ultimi quindici anni per la località balneare.

La fase perturbata è ormai alle spalle e quest'oggi il sole è tornato a splendere sull'intero territorio regionale. Novità in arrivo nelle prossime 48 ore: con l'anticiclone delle Azzorre esteso dai settori occidentali del Mediterraneo alle Isole Britanniche, una saccatura colma di aria fredda per la stagione scivolerà tra l'Europa centro-orientale e i Balcani, lambendo il versante adriatico e le estreme regioni meridionali, Sicilia compresa. Giungeranno, pertanto, correnti più fresche dai quadranti settentrionali.

Nella mattinata di domani, sabato 7 ottobre, ci attendono condizioni instabili sul versante tirrenico, con particolare riferimento al settore orientale della provincia di Palermo, al messinese costiero e alla dorsale dei Nebrodi. Qui gli annuvolamenti irregolari in ingresso dal Tirreno, a tratti consistenti, potranno dare luogo a brevi rovesci localizzati, in rapido diradamento nella seconda parte della giornata.

Seppur in modo più blando e ridotto, le nubi si addosseranno probabilmente anche al versante settentrionale dell'Etna, in un contesto di variabilità. Poco o nulla da segnalare sulle restanti aree regionali: lungo la fascia ionica e sul litorale meridionale il sole permarrà assoluto protagonista.

La probabile distribuzione delle precipitazioni nella mattinata di sabato 7 ottobre. Dal modello MOLOCH sviluppato da ISAC-CNR.

Nella giornata di domenica 8 ottobre le condizioni meteorologiche permarranno stabili e prevalentemente soleggiate sull'intero territorio regionale: una buona notizia per le tante manifestazioni enograstronomiche che animeranno, in diversi comuni, la domenica siciliana.

TEMPERATURE, MARI E VENTI – Tra i principali effetti del breve impulso di aria fresca dal nord Europa ci attendiamo un vistoso rinforzo dei venti, in rotazione da Maestrale (NW) e Tramontana (N). Raffiche prossime o superiori ai 40-50 km/h saranno probabili sui crinali montuosi settentrionali e sui versanti ovest, nordovest, nord e nordest dell'Etna. Decisamente più riparata la fascia sudorientale del vulcano. La ventilazione tenderà ad indebolirsi gradualmente nel corso della giornata, fino a divenire debole o moderata domenica. Mari mossi o molto mossi sabato; moto ondoso in progressiva attenuazione nella giornata di domenica.

Temperature in diminuzione ovunque. Dai cinque agli otto gradi in meno rispetto ad oggi sul versante tirrenico, sui Nebrodi, sulle Madonie, sul settore nord dell'ennese e sui versanti etnei maggiormente esposti alla circolazione settentrionale. Lo zero termico si abbasserà dai 4200 metri attuali ai 3200 metri di domenica. Calo meno accentuato nell'area ionica e sulla fascia meridionale: le massime, infatti, si abbasseranno dai due ai quattro gradi rispetto ai valori attuali, con punte di 23/24°C. La variazione più sensibile si avvertirà nella notte tra sabato e domenica, complici i cieli stellati.

TENDENZA A MEDIO TERMINE – Nella seconda decade di ottobre, la posizione dell'anticiclone delle Azzorre, in azione di blocco sui settori centro-occidentali del Mediterraneo, continuerà a proteggere l'Italia dal transito delle perturbazioni atlantiche. Per gran parte del nostro Paese permarrà il problema della siccità, in un contesto termico senza eccessi e vicino alle medie stagionali. In Sicilia, sul bordo orientale dell'alta pressione, possibile alternanza tra fasi gradevoli ed ampiamente soleggiate e occasionali parentesi localmente instabili, specie nelle ore pomeridiane. Torneremo a parlarne nei prossimi approfondimenti.

© MeteoEtna.com | 6 ottobre, ore 17:00

Andrea Bonina

Laureato in Geologia presso l’Università di Catania con tesi sperimentale sull'analisi e sulla modellistica della pluviometria e dei dissesti idrogeologici del versante nordoccidentale dell'Etna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *