Parco dell’Etna, sabato 12 novembre la quarta edizione di “Meglio Parco che sporco”

Sabato 12 novembre torna con la quarta edizione “Meglio Parco che sporco”, la manifestazione promossa e coordinata dal Parco dell’Etna con l’obiettivo di bonificare e ripulire dai rifiuti numerose aree degradate dell’area protetta e di lanciare a chi deturpa un forte messaggio di attenzione per la tutela e il decoro del territorio che circonda il sito iscritto nel 2013 nel Patrimonio dell’Umanità. Per la prima volta la manifestazione si svolgerà di sabato, allo scopo di coinvolgere intensamente le scuole dell'area protetta in iniziative di educazione ambientale.

Meglio Parco che sporco” coinvolgerà numerose associazioni di volontariato, che puliranno il fazzoletto di terreno del Parco assegnato a ciascuna di esse. Alle associazioni si affiancheranno i rappresentanti di quasi tutti i Comuni che fanno da cintura al Vulcano, che contribuiranno fornendo gli automezzi necessari al trasporto dei rifiuti dai punti di raccolta collocati lungo le strade asfaltate fino alle isole ecologiche di pertinenza.

Quest’attività, svolta con cadenza annuale, benché ampiamente pubblicizzata, non ha però contribuito ad eliminare il fenomeno delle micro-discariche all’interno dei boschi (in genere addentrate di 50 – 100 metri), che immancabilmente si riformano nei mesi successivi e più in generale quello dell’indiscriminato abbandono di rifiuti ai bordi delle strade.

Andrea Bonina

Laureato in Geologia presso l’Università di Catania con tesi sperimentale sull'analisi e sulla modellistica della pluviometria e dei dissesti idrogeologici del versante nordoccidentale dell'Etna. Collaboro con l’associazione MeteoSicilia, curo la rubrica meteorologica per il quotidiano online 'La Gazzetta Catanese' e gestisco il blog di 'Meteo Bronte'.